Chi Siamo

Associazione Mariposa

Mariposa nasce dall’incontro casuale e magico di due persone e delle loro sensibilità sull’esperienza del tango argentino. Vorremmo che la cultura e lo spirito di questo ballo non perdessero la loro essenza benché così geograficamente lontani. Il contatto, l’ascolto, lo stare insieme e il condividere momenti sociali e di intimità sono l’essenza del tango e non hanno frontiere. Questo può permettere di riscoprire e recuperare il piacere di stare con gli altri ascoltando la musica e ballando.

Curricula… in due parole

Francesca

Maestra di tango
Sono nata a Firenze dove ho studiato  danza dall’età di 4 anni ; del ballo ne ho fatto una professione fino a quando ho deciso di cambiare  lavoro per occuparmi degli altri. Viaggiatrice, durante un lungo viaggio in Argentina mi sono innamorata del tango che ha risvegliato la ballerina che dormiva in me. Ho cominciato a prendere lezioni a Firenze ma  torno tutti gli anni a Buenos Aires dove ogni volta vivo per tre mesi. Qui ho studiato con maestri di fama internazionale ( alcuni dei quali sono diventati carissimi amici) e ballato giorno e notte. Mi sono specializzata in tecnica femminile e milonga con traspiè che insegno da qualche anno.
Ho una grande passione per le scarpe di tango…

Se sei curioso e vuoi saperne di più…
Curriculum dettagliato

Laura

Psicologa Psicoterapeuta
Ho studiato psicologia e proseguito gli studi per svolgere l’attività di psicoterapeuta.
Mi occupo della salute e del benessere delle persone. Ho sempre avuto la passione per il ballo e fin da ragazza ho frequentato corsi di danza. Qualche anno fa ho incontrato sulla mia strada il tango, grande amore che mi ha aperto nuove strade ed ha coinciso con cambiamenti radicali della mia vita. Ho capito che il tango è stato importante per il mio benessere e che lo può essere anche per gli altri; quindi ho integrato le mie competenze professionali con la pratica del ballo.
Ho una seconda grande passione quella per il disegno e la pittura.

Se sei curioso e vuoi saperne di più…
Curriculum dettagliato

Statuto

Associazione Mariposa

Mariposa nasce dall’incontro casuale e magico di due persone e delle loro sensibilità sull’esperienza del tango argentino. Vorremmo che la cultura e lo spirito di questo ballo non perdessero la loro essenza benché così geograficamente lontani. Il contatto, l’ascolto, lo stare insieme e il condividere momenti sociali e di intimità sono l’essenza del tango e non hanno frontiere. Questo può permettere di riscoprire e recuperare il piacere di stare con gli altri ascoltando la musica e ballando.

Tango, Movimento dell’Anima
divertimento, sensazioni, emozioni, ascolto, armonia, passione, contatto

La danza è una canzone del corpo, di gioia e di dolore

Martha Graham

Fare l’esperienza del tango

Si comincia per divertirsi e per stare insieme, per entrare in contatto con le persone. L’esperienza del contatto apre un gioco di relazioni nel quale ognuno ascolta se stesso e l’altro e allena la sua capacità comunicativa; i ballerini mobilitano le loro risorse affinché si crei un’intesa.

Attraverso la loro capacità di sentirsi e ascoltarsi riescono a creare un movimento armonico e solidale della coppia; l’importante è che nessuno dei due scappi.

Il tango argentino nasce come ballo popolare, dalla mescolanza di culture , ritmi, sogni acquisendo, grazie a questo , emozioni umane universaliespresse in figure e tempi musicali nei quali tutti possono trovare qualcosa di se stessi.

I testi dei brani parlano di sogni e carenze, di amore, passione e nostalgia, di emozioni che accomunano l’umanità.

Il tango è un’emozione, un sentimento che si balla, un dialogo fra due corpi abbracciati. Ballare risveglia sensibilità e lascia emergere emozioni latenti; l’abbraccio è contatto, affetto, contenimento, capace di generare sensazioni e sentimenti quali sensualità ed erotismo, allegria e tristezza, indifferenza, rabbia e tanto altro…

Il tango aiuta a sviluppare gli aspetti comunicativi della condivisione , dell’affidarsi, della fiducia in se stessi e negli altri , del prendersi cura di.

Queste le caratteristiche principali che si ricercano nei nostri stage articolati su più livelli e rivolti a tutti coloro i quali vogliono approfondire la conoscenza di sé, vogliono trovare il proprio modo di applicare l’esperienza del contatto e dell’ascolto alla pratica del ballo.
I nostri curricula
Francesca Tinti

Maestra di Tango Argentino

Formatasi professionalmente presso il Centro Studi Danza di Firenze, ha lavorato come ballerina nel corpo di ballo dell’Arena di Verona e nel Balletto di Toscana. Dopo aver cambiato ambito lavorativo partecipa a numerosi corsi di formazione relativi alla consapevolezza emozionale e corporea, alla relazione d’aiuto, alla comunicazione, temi propri dell’attuale professione.

Continua a mantenere legami con il mondo della danza e del teatro; pratica yoga dal 2001.

In seguito ad un viaggio in Argentina incontra il tango; dal 2003 torna regolarmente a Buenos Aires soggiornandovi ogni anno per tre mesi. Qui studia con maestri di fama internazionale fra i quali Aurora Lubiz, Hugo Daniel, Stella Barba, Angel Coria, Gabriela Elias, Julio Altez, Gustavo Rosas, Gisela Natoli, Jorge Firpo, Jorge e Marita Dispari, Martha Anton e “il Gallego” Manolo, Pancho Martinez Pey, Maximiliano Martino Avila.

Laura Salmoiraghi

Psicolga, Psicoterapeuta

Laureata all’Università degli studi di Bologna nel 2000 e specializzata in psicoterapia nel 2008, collabora con l’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, col Comune di Firenze e con i Comuni della Valdichiana Aretina. Ha una pluriennale esperienza di sostegno psicologico all’individuo e al gruppo.

Conduce gruppi antistress, di rilassamento e benessere psicofisico, di riequilibrio, rivolti a differenti fasce di età. Ha collaborato con la ASL di Firenze presso il Centro di Terapia Familiare alla stesura di progetti riabilitativi per la famiglia con disagio psicologico.

Si occupa della formazione degli operatori addetti alla cura e all’assistenza di persone anziane o con demenza e della formazione di giovani psicologi neolaureati.

Lavora secondo la metodologia della Psicologia Funzionale sulla respirazione e le tensioni muscolari attraverso la teoria e le tecniche di intervento, massaggio e tocco psicoterapeutico.

Ha rivolto la sua attenzione alla danza a partire dall’88; ha integrato quindi le competenze in materia psicologica anche attraverso tale pratica in una ricerca che trova nell’esperienza del tango argentino il punto di convergenza del corporeo e dello psichico; convergenza intesa come contatto con l’altro da sé e che è rappresentativa dei momenti esperienziali di cambiamento e crescita umani.